Cerca

City blog. Rome based.

La mela reintegrata. Michelangelo Pistoletto alle Terme di Caracalla

Con “Mela reintegrata”, opera site-specific per le Terme di Caracalla, Michelangelo Pistoletto si ricollega ad una tradizione artistica, mitologica e sociale senza tempo. Per chiudere il cerchio di problematiche che hanno avuto origine proprio da questo frutto .

Allo stesso tempo si chiude anche il cerchio relativo al suo progetto artistico legato al concetto del “Terzo Paradiso”.

This post is also available in english.

Vous pouvez lire cet article en français.

This post is also available in English.

Vous pouvez lire cet article en français.

Una mela al giorno toglie il medico di torno.

mela-pistoletto5La riflessione sulla mela ha inizio nel mito greco: per primo Eracle si mise in viaggio verso i confini occidentali del mondo per recuperare i frutti d’oro del giardino delle Esperidi, capaci di garantire l’immortalità. Ancora un pomo d’oro è a provocare la guerra di Troia, quando Eris, dea della discordia, durante il banchetto per le nozze di Peleo e Teti, lo fece rotolare sul tavolo a cui sedevano Afrodite, Hera e Atena, con le conseguenze che ben conosciamo.

Nella tradizione biblica la mela colta da Eva nel Paradiso Terrestre diede inizio ad una nuova era di consapevolezza che rese l’uomo mortale.

Biancaneve è colta da una morte apparente quando morde la mela stregata.

Per Newton è la fine delle riflessioni sulla gravità, ma anche inizio di una serie di domande che ancora non hanno smesso di impegnare fisici e astronomi.

Per arrivare alla mitologia moderna dove la mela è il simbolo più conosciuto e desiderato del mondo tecnologico.

Il Terzo Paradiso.

La mela delle Terme di Caracalla si ricollega direttamente

Il Terzo Paradiso. Image courtesy: http://www.arte.it/foto/da-carrara-a-caracalla-una-mela-trova-il-suo-paradiso-679/4
Il Terzo Paradiso. Image courtesy: http://www.arte.it/foto/da-carrara-a-caracalla-una-mela-trova-il-suo-paradiso-679/4

all’intervento del 2012 “Il Terzo Paradiso“. In quel caso la realizzazione avvenne con i materiali provenienti dallo stesso sito archeologico; lo stretto legame messo in atto tra i materiali antichi, le rovine delle terme, l’architettura del passato e il mondo contemporaneo, scatena una riflessione che tende verso il futuro. Il Terzo Paradiso è la sintesi raggiunta tra il Primo Paradiso (quello del mondo naturale) e il Secondo Paradiso (quello del mondo moderno e tecnologico); l’equilibrio tra questi due poli opposti è il Terzo Paradiso.

Ti piace questo post? Continua a seguirci su Facebook, Instagram, Twitter e Pinterest per non perdere tutti gli aggiornamenti di Rome Sweet Rome Guide!

In quest’ottica, la mela rappresenta il paradigma stesso del Terzo Paradiso: l’unione della fase iniziale quando l’uomo era ancora perfettamente integrato con la natura (dentro la mela, e cioè il Primo Paradiso), e quella successiva al morso. È dalla condanna che deriva la conoscenza (il Secondo Paradiso). Le conoscenze tecniche e scientifiche hanno degradato il pianeta del Primo Paradiso; la capacità di creare la tecnologia ha portato a una realtà alienante e malata. 

mela-pistoletto

Così il Terzo Paradiso e la ricomposizione del morso vengono a coincidere. La mela, come il Terzo Paradiso, coniuga artificio e natura.

Distruzione e ricomposizione.

mela-pistoletto8Si tratta quindi di una profonda riflessione sulla realtà, sulla distruzione provocata dall’intervento umano; per sanare questa situazione è possibile una ricomposizione non solo sul piano concettuale, ma anche dal punto di vista concreto. È l’impegno civile che deve scendere in campo attraverso l’ecologia e l’educazione, che sembrano ormai perse.

La mela ricomposta è l’invito di Pistoletto a riconnettere le due parti della “storia” che non sono del tutto inconciliabili, se lo desideriamo.

mela-pistoletto3

La scultura è realizzata in marmo di Carrara, perché alle Terme di Caracalla è il marmo che racconta il passato. L’opera riafferma la propria classicità nel materiale che maggiormente ricolleghiamo all’arte del passato; è un dialogo continuo con i sotterranei del sito archeologico nel quale è ospitata.

mela-pistoletto11

Informazioni

  • Dove: negli ambienti sotterranei delle Terme di Caracalla. Viale delle Terme di Caracalla, 52. Metro B Circo Massimo
  • Quando: fino al 26 settembre 2016
  • Perché: un invito alla riflessione e una presa di coscienza sulla necessità del cambiamento. L’artista rende palesi le anomalie, e come un chirurgo si mette in gioco per sanarle.

Ti è piaciuto questo post? Continua a seguirci su Facebook, Instagram, Twitter e Pinterest per non perdere tutti gli aggiornamenti di Rome Sweet Rome Guide!

mela-pistoletto7

More Stories

La rivoluzione neoclassica nel monumento funerario di Clemente XIV
Se così di rado avviene, che di un’opera grande si affidi ad un grande Artista l’esecuzione, onde vadano a ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *